PUGLIA CORSARA e la VARIANTE ALLA SS16 a SUD: il nostro pensiero

pugliacorsara.jpgdal quotidiano della Puglia – «Ecco il nostro piano per il Sud, con riflessi nel Mediterraneo, che arriva dopo il Piano straordinario per il Lavoro e i 100 cantieri»: con queste parole il presidente della Regione Nichi Vendola ha presentato il 10 febbraio 2011, insieme con l’assessore alle Infrastrutture Guglielmo Minervini, i dieci interventi strategici per la mobilità della Puglia che vanno sotto il nome di “Puglia Corsara”. 
10 progetti strategici, ai quali ne è stato aggiunto un altro contenente una serie di opere di supporto di valenza locale, per un investimento di 10miliardi e 300 milioni di euro di cui ad oggi disponibili 3,5 miliardi di euro, con la speranza di ottenere gli altri 6,8 miliardi dal Piano per il Sud (che prevede investimenti per circa 80 miliardi di euro rivenienti dal vecchi programmi europei e dai fondi Fas della vecchia e nuova programmazione).
«Si tratta di interventi, a partire da quello strategico dell’alta velocità, che possono cambiare il volto del Mediterraneo e anche degli scambi merceologici in Europa. Abbiamo porti, aeroporti, ferrovie, strade che dobbiamo connettere tra di loro Ecco questa è Puglia Corsara», ha spiegato Vendola, ricordando l’esistenza di «un’intesa armonica con il ministro delle Infrastrutture Matteoli» che però va di pari passo con «la difficoltà di comprendere cosa sia il piano per il Sud».  

Noi di PRO CIVITATE abbiamo molto a cuore gli obbiettivi della “Puglia Corsara”… perchè potrebbe essere il primo progetto che, se realizzato, consenta realmente lo sviluppo infrastrutturale della Puglia, con il potenziamento del “Nodo di Bari” che oggi più che un nodo è un TERMINAL: sia da un punto di vista ferroviario, ma soprattutto da un punto di vista stradale… ed è un TERMINAL soprattutto quando si pensa al flusso automobilistico e camionale da-verso il Salento.. una terra sempre più affamata di alta capacità, grazie al forte sviluppo che sta vivendo!
ALTA CAPACITA’ VERSO SUD che la cecità di BARI-ACCENTRATRICE ha da sempre negato, piuttosto che fornirla e governarla, magari cavalcarla cercando i dovuti ritorni economici!!

Invece tutti gli investimenti fatti in ambito di mobilità stradale, attualmente sono limitati alla rete a nord di BARI, lasciando disservito il flusso veicolare per la parte sud Brindisi-Lecce, la cui sempre crescente domanda altro non fa che appesantire i flussi della tangenziale di Bari fino all’innesto per l’autostrada A14… limitando il servizio stradale verso il sud della Puglia ed ingessando i ritmi urbani di Bari metropolitana!

QUESTA NON E’ e NON PUO’ ESSERE “PUGLIA CORSARA” …a meno che per corsara non si voglia intendere “PIRATA”..

Noi di PRO CIVITATE speriamo vivamente che nel DNA del progetto “corsaro” ci sia la “logistica del traffico stradale nord sud” dove per nord-sud si intende  LECCE-LONDRA e non solo Santo Spirito-Torreamare!! Che venga cioè presa in seria considerazione la realizzazione del progetto di VARIANTE alla SS16 a sud di Bari da Japigia a Mola che, immettendo nuove risorse di capacità infrastrutturale stradale, eliminerebbe l’attuale tratto fuorilegge, pericoloso per utenti della strada e residenti frontisti che si affacciano direttamente sul tratto stesso (leggi il post http://unastradaperlavita.myblog.it/archive/2009/05/31/ss16-torreamare-approvata-la-variante-bari-mola.html).

Un progetto che risponderebbe alle esigenze di Bari fulcro dell’area metropolitana che, vista con l’occhio della rete della mobilità  deve provvedere a separare il traffico pesante e passante da quello urbano, proposte di multimodalità, nuovo svincolo autostradale, raccordo tra le autostrade, l’alleggerimento del traffico sulla costa, e soprattutto nuovi assi trasversali paralleli alla circonvallazione etcc..[rif. Stefano Ciurnelli],

Un Progetto che renderebbe BARI un reale nodo e non più un terminal e che restituisce dignità all’immagine della citta e spazi e servizi ai cittadini baresi!

Noi del movimento da anni combattiamo per questo problema ed anche a nome dei cittadini e delle tante bvittime che questo ostinato sistema stradale ingessato ha finora provocato, chiediamo a gran voce di conoscere le sorti di questo progetto (tanto acclamato dall’ing. Ciucci dell’ANAS il giorno dell’apertura della manifestazione della fiera del Levante del 2008) e se lo stesso è ricompreso nel piano di sviluppo di PUGLIA CORSARA!

Rosalia Balice
delegata PRO CIVITATE
Japigia -Torreamare

PUGLIA CORSARA e la VARIANTE ALLA SS16 a SUD: il nostro pensieroultima modifica: 2011-02-24T12:12:00+01:00da procivitate
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento