PARCO DUE GIUGNO E LA LUDOTECA

La Gazzetta del Mezzogiorno 5 marzo 2009 /Gazzetta di Bari pag. VIII)
Spazi pubblici: domenica l’assessore Susy Mazzei incontra anziani e associazioni  
Tanto tuonò che piovve: l’assessore alla Solidarietà sociale, Susy Mazzei intende mettere a disposizione degli anziani tutti i giorni gli spazi della ludoteca di Parco Due Giugno. La decisione è stata presa dopo la denuncia di cittadini del quartiere Carrassi San Pasquale e del movimento civico Pro Civitate sulla carenza di iniziative per gli anziani e per i malati di Alzheimer e del morbo di Parkinson che hanno reso nota tramite Pronto Gazzetta.

 Il presidente di Pro Civitate, Vitantonio Uggenti, ha denunciato la carenza di iniziative per quelle categorie di cittadini a fronte della concessione a una cooperativa della ludoteca di Parco Due Giugno. Ludoteca aperta solo la domenica mattina. 
 L’assessore Susy Mazzei ha detto: «Non c’è problema, domenica mattina sarò presente in ludoteca per incontrare tutti gli anziani e le associazioni che volessero partecipare all’incontro per definire le loro
esigenze e concordare insieme aperture e utilizzo massimo della struttura. Già l’anno scorso abbiamo tenuto aperto dalle 17 alle 20 tutti i giorni. È andata bene e ora aumenteremo gli orari. Sono contenta della partecipazione dei cittadini. Poi – ha affermato Mazzei -, proporrò di varare un bando di gara per la gestione della struttura negli orari di apertura per gli anziani». 
 «Si tratta di una buona iniziativa – spiega il presidente di Pro Civitate, Vitantonio Uggenti – ma tardiva. Dopo anni che non si è fatto nulla per gli anziani e i malati, finalmente dietro le nostre pressioni qualcosa si muove. Gestire uno spazio per anziani, però, non significa trascorrere le ore accanto a loro ma fornire assistenza e iniziative e non solo in alcune stagioni. Obiettivo delle amministrazioni dovrebbe essere quello di valorizzare le proprie strutture».

PARCO DUE GIUGNO E LA LUDOTECAultima modifica: 2009-03-05T15:32:00+01:00da procivitate
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento